riflessione sul commento 1187 di Sri Atmananda

Il Testimone si evolve. In un primo momento osserva bene le apparenze cercando di non essere coinvolto. In questa fase voi sentite di avere ancora le radici sulla superficie dell’oceano; in altre parole, per quante esperienze dirette non-duali possiate avere, sostanzialmente continuate a sentirvi e ad agire come un essere umano normale. A un certo punto però, maturando la purificazione prodotta dalla vostra sadhana, con vostra grande sorpresa all’improvviso fate un passo indietro – one Continua a leggere →

1187. soggetto e oggetto in attività

In tutte le attività c’è solo l’oggetto e nessun soggetto [dell’azione]. Esamina qualsiasi attività. Sembrano esserci due ‘io’ che funzionano simultaneamente: l’ego, o ‘io’ apparente, come colui che agisce, e il Principio-Io, o vero ‘io’, come colui che conosce. Il primo cambia continuamente, il secondo non cambia mai. Perciò io sono sempre il conoscitore e mai l’agente. Dunque non c’è l’agente, o soggetto [dell’azione], ma solo l’azione senza un attore. Il Continua a leggere →

commento al commento 243 di Sri Atmananda

Nella spiritualità spesso si invitano gli aspiranti ad amare e allora essi comprendono che devono amare persone, animali, piante ecc. Sì, se vedono persone, animali ecc. è corretto che amino quelli. Ma a un livello più profondo l’amore non è altro che la visione della non-dualità, la visione che esiste solo il Sé. Infatti Sri Atmananda usa le parole ‘Conoscere’ e ‘Amare’ come sinonimi, perché ‘Conoscere’ è sapere che quell'oggetto è il Sé. Egli dice: “Lo stato Sahaja Continua a leggere →

243. qual è il significato dello stato sahaja?

Sei stabilito in ciò che veramente si intende o succede quando dici di conoscere o amare. Conoscere o amare un oggetto è in realtà portarlo sempre più vicino a te, finché alla fine l’oggetto si fonde in te come Coscienza o Pace. L’Amore e la Coscienza puri sempre annientano l’ego. In affermazioni come “Colui che vede...”, “Colui che sente...”, “Colui che pensa...” ecc., il ‘Colui’ non qualificato è la Realtà Assoluta stessa. Chi è in grado di rendersene conto Continua a leggere →