481. Come produrre i migliori risultati dell’azione?

Se ci si perde nell’azione, l’azione stessa avrà il massimo successo, ossia produrrà i migliori risultati.

Come raggiungere questo oblio si se stessi?

Dirigi la mente alla sua fonte – l’Assoluto – lasciando una semplice samskara [silente inclinazione] riguardo alle azioni che si debbono compiere. Quando le azioni sono lasciate a se stesse, senza che gli organi di senso e la ragione inferiore le guidino, dal di dentro qualche principio – evidentemente la ragione superiore – prende automaticamente la piena responsabilità di guidarle.

Così, sotto la guida suprema dell’onnisciente vidya-vritti [ragione superiore], le azioni sono portare a termine con uno stupefacente grado di perfezione. Se però l’ego interviene in qualche modo nel corso dell’azione, le cose andranno deprecabilmente male.

Osservando bene, la vita apparente di ogni Saggio fornisce numerosi esempi sulla misterioso realizzazione di attività del mondo fenomeniche in maniera assolutamente perfetta, senza uno sforzo da parte del Saggio e senza che egli rivendichi il minimo merito per l’azione.

 

Condividi questo post:
RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter