N., apri il tuo cuore, lascia fluire l’amore. perdonati e perdona

N. è morto ieri alla 10,40. Non doveva andare così. Per me è stata dura. Comunque, il Supremo è l'Amore. Quando scendi più in basso trovi le cattiverie umane. Perciò se vuoi tenertene fuori e allo stesso tempo essere misericordioso devi essere piantato stabile nell’Amore, che è al tempo stesso immanente e trascendente, dato che esiste solo quello. Altrimenti sarai un sadhaka in eterno. Ora sto mantrando: “N., lascia fluire l’amore. Perdonati e perdona”. Lui è in incoscienza, sta Continua a leggere →

cosa ti impedisce la liberazione definitiva?

— Quando uno vede che Gino (la sua persona), il suo corpo, la sua storia, le sue relazioni sono solo pura fantasia, e che esiste solo la Pura Coscienza e che lui è la Pura Coscienza, avendo visto la Verità, si trova di fronte la Liberazione. Allora la mia domanda è: che cosa ti impedisce la Liberazione definitiva? — Che cosa mi impedisce la Liberazione? Probabilmente l’identificazione nella Pura Coscienza non è stabile, è ancora saltuaria. Non saprei però se è naturale che ci voglia Continua a leggere →

tutto l’universo è sempre pronto a venire in nostro aiuto. tutti gli esseri celesti sono sempre pronti a soccorrerci

Quel mio amico… è più facile parlare col presidente della repubblica che con lui. È ancora ricoverato in ospedale. Siamo d’accordo che la mattina mi manda un messaggino vocale e io poi lo chiamo. Stamattina nessun messaggio, è la seconda volta. Gli mando un Whatsapp chiedendo se posso chiamarlo. Risponde sì. Io: “Buon giorno, come va?”. Voce da funerale: “E, non è un buon giorno”. “Cosa è successo”. “Ho la febbre alta, 38,5, e adesso sono qui a letto che…”. “La febbre Continua a leggere →

la mente e la malattia

Un carissimo amico che ha ereditato dai genitori lo schema mentale di ‘prendere sulle proprie spalle tutto il peso dei problemi degli altri, senza dire niente a nessuno’, a un certo punto sviluppa una malattia grave. Quando lo intervistai mi disse, fortemente sollecitato da me, che aveva passato tre anni a piangere perché non ce la faceva più. la malattia (terminale per la medicina allopatica che guarda solo al sintomo) è il modo – irrazionale – che la mente ha trovato per fermarsi. Affrontammo Continua a leggere →

sono la pura coscienza

— Caro Sergio, da quando ho avuto chiarezza e ho iniziato a lavorare sull’identità di essere La Coscienza è stato per me illuminante. Il tuo ultimo consiglio di fare dei check, mi fa sperimentare con chiarezza quando sono scivolata in una identificazione; ma il fatto stesso di farlo mi riporta subito alla Coscienza, che balza come in “primo piano”, sbiadendo tutto il resto. È incredibile come sia semplice! — Merito a te di aver colto il suggerimento! Ricordare di essere la Pura Coscienza Continua a leggere →

l’errore base dell’Intensivo di Illuminazione

L’errore base dell’Intensivo di Illuminazione è che il partecipante crede lo stato dell’esperienza diretta, quando diventasse continuo, è la realizzazione. La realizzazione è spostare l’identità dalla persona (ad esempio Sergio) alla Pura Coscienza. Questo ha delle conseguenze. Esiste il tempo nella Pura Coscienza? Il prima e il dopo? Esiste la distanza nella Pura Coscienza? Qualcosa è più vicino e qualche altra più lontano? Esistono differenziazione e separazione nella Pura Continua a leggere →

divenire coscienti delle proprie ferite per osservare gli inneschi causati

— Buongiorno Sergio, dato che conosci sia il campo psicologico sia l'oltre, ovvero periferia e centro, non credi che bisogna affrontare le istanze della periferia per giungere alla liberazione? Almeno divenire coscienti delle proprie ferite per osservare gli inneschi causati? Grazie. — Per poter vedere la propria vera identità come Pura Coscienza, e ancor di più per stabilirsi in essa, la mente deve essere abbastanza purificata. Tale purificazione viene indicata come ‘eliminazione delle Continua a leggere →

essere ‘prima della coscienza’ è una bufala colossale

— Carissimo Sergio, la spinta emotiva delle immagini si è calmata, riesco a rimanere concentrato in quello stato, che avverto come nuovo, di quiete e silenzio; dopo la meditazione permane come un senso di spossatezza, che prima non avevo. Riesco a tratti a rimanere concentrato sull’io anche durante la giornata ed oggi, durante le attività quotidiane, ho avuto una intuizione prorompente, ho capito che l'io-sono è la fonte, la fonte di tutte le esperienze, senza un senso dell'io, sia pure sottile Continua a leggere →

come pregare per qualcuno

Pensalo con amore. In che modo? Amalo e allo stesso tempo riconosci il lui l’amore e la perfezione divina, in modo che queste, che sono la sua vera natura, prevalgano è generino la guarigione fisica, mentale e spirituale. Ciò può essere esteso anche agli oggetti inanimati, alle situazioni e alle esperienze, perché tutto è amore e perfezione divina. Pregando in questo modo per gli altri realizzerete la vostra stessa vera natura indivisa, in quanto non troverete null’altro in giro Continua a leggere →

la gente mangia schifezze e si ammala

la gente mangia schifezze e si ammala e così viene compromessa la fase spiritualmente più feconda della vita, quella dell’anzianità, in cui liberi da responsabilità sociale e ormai maturi nel carattere e nell’esperienza, si può finalmente devolvere tutta la propria attenzione all’ottenimento della Liberazione. I Maestri dicono: “Non sprecare la tua vita, perché in questa vita potresti ottenere la suprema Liberazione”. Mangiare schifezze, cioè quello che propagandano i media Continua a leggere →