chi sono

Carissimi Aspiranti, molti mi chiedono di essere seguiti nella loro sadhana. Io sono disponibile a farlo, ma per iscritto. Vivo ritirato e ho comunicazioni telefoniche con aspiranti che già lavorano con me da un po’, e solo se veramente necessario.

Nessun fine di lucro.

Io lavoro solo con aspiranti che hanno un inteso desiderio di pratica spirituale e di liberazione. Se cominciamo a lavorare insieme e io vedo che la sadhana (pratica spirituale) e il Divino occupano una posizione molto marginale nella vostra attenzione, io mi ritirerò. Nessun giudizio negativo verso di voi in ogni caso, ognuno ha i propri tempi, solo io non mi occupo di questo range di aspiranti. Inoltre richiedo all’aspirante di accedere all’insegnamento con abbandono e amoreLa relazione tra maestro e allievo è come quella tra padre e figlio.

Possa il vostro desiderio di liberazione spirituale essere esaudito!

Sergio Cipollaro