passi graduali verso il sahaja

Prima c’era il Sé e a volte scivolavo nelle identificazioni e ne venivo coinvolta, anche se sapevo che erano illusioni, e che il Sé era l’unica Realtà, lo sfondo eterno e immutabile.

Ora non esiste Sé o non Sé, così come non esiste un ego, neppure un vago sentore. C’è solo Essere, indefinito, senza storia, senza nome.

È come guardarsi allo specchio e vedere solo vuoto. Sono scomparsa.

Mukti

Condividi questo post: