“senti che tutto ti ama”

È un altro koan importantissimo.

Il partner che medita riceve l’istruzione, chiude gli occhi e fa l’atto di constatare che “tutto lo ama”. Naturalmente appariranno dei contenuti nella sua mente come conseguenza di tale atto e lui li comunica al partner che ascolta.

Il koan apre direttamente il baule ove sono riposti tutti i problemi dell’aspirante: passati presenti e futuri! Con chi si scontra il jiva, l’anima individuale? Con prakriti, e prakriti è la vita, così come gli esseri individuati la vedono.

Anche qui si esplica un mind clearing potentissimo. E quando con questo koan la distanza tra ‘voi’ e ‘tutto il resto’ si assottiglia, ecco che spontaneo nasce l’impulso a fondersi con questo TUTTO, e… si ritrova Sé Stessi, il vero Sé!

È la naturale conseguenza di “Ama ciò che appare nella tua coscienza”. È così che mi sono trovato a lavorare con “Senti che tutto ti ama”. 

Anche B. ha intuito il valore di questo koan, ne abbiamo parlato a telefono. Purtroppo – abbiano tanto auspicato che vincesse il concorso – la magistratura ce l’ha allontanata…

Avrei bisogno di un Ritiro alla settimana per sperimentare con tutti i koan che mi vengono in mente. Ma perché vengono fuori adesso? Perché si è formato un nucleo di aspiranti che ha intrapreso la via dei Ritiri intensivi, cioè: frequentarne intensivamente. E allora si ha la possibilità di praticare con koan articolati. Se l’aspirante ti viene a un Ritiro all’anno gli dai sempre un koan di base…

“SENTI CHE TUTTO TI AMA” TI PORTA A VEDERE DIO NELLA VITA

Condividi questo post:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
https://www.itisnotreal.net/senti-ti-ama-2/
Twitter