poi nient’altro che ME

Nello hatha yoga mi sembra di scorgere il cammino della sadhana. All’inizio il corpo può essere rigido… bisogna ascoltare, e comprendere amorevolmente i limiti momentanei del corpo, scaldare i muscoli gradualmente e senza alcuna fretta. Respiro dopo respiro crei spazio nel corpo ed affondi un po’ di più nell’asana… Inspiri profondamente ed espirando fai una piccola conquista. Percepisci la fatica e lo sforzo, ma piano piano, se continui a respirare e a creare spazio, l’asana diventa Continua a leggere →