così sottile che si può dire soltanto che è Silenzio

— Osservazione e abbandono sono tutto, poi ci sono anche i maestri che ti dicono cosa succede osservando e abbandonandoti, così da accelerare il percorso.

Tu hai un range che va dal Silenzio asoggettuale (o soggetto universale), che è il top del top del background, il più sottile, così sottile che si può dire soltanto che è Silenzio, assolutamente privo di azione e di moto… alla tua persona.

La tua vera identità è il Silenzio.
Però devi osservare come dal Silenzio scivoli in avanti verso il movimento, assumendo identità individuali separate sempre più grossolane, fino a diventare la persone, che è l’identità più grossolana possibile.
Come vai verso il movimento, in quella misura si attivano i pensieri.

Cosa ti fa scivolare via dal Silenzio in background?
L’attaccamento.
E cioè, l’attaccamento al movimento.

Cosa consideri più importante, il Silenzio o il movimento?
Il Silenzio o il Sogno?

Prova a rileggere il commento che hai postato osservando i tuoi cambi di identità. Dalle identità più vicine alla persona e al movimento a quelle più vicine al background.
Se sei più vicina alla persona e al movimento, vedi reale quel mondo.
Se sei vicina al Silenzio, vedi purissimo Silenzio dappertutto.

Cosa sia più importante, il Silenzio o il movimento, è ciò che determina la maturità relativa dell’aspirante.

 

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.