Il vero ‘io’ è la coscienza

Il vero «io» che dovete cercare come soggetto ultimo è la Coscienza. È questo il significato del puro «Io Sono» di cui parlano Sri Ramana, Nisargadatta e gli altri grandi jnani. Tuttavia altre volte essi usano la parola «io» per indicare il «pensiero io», che crea l’illusoria sensazione di essere un individuo (jiva), o addirittura si riferiscono al pensiero ‘io sono il corpo’. Comprenderete la confusione che può emergere e che ha ostacolato non pochi ricercatori nell’individuare Continua a leggere →

Come il mondo si ricrea di nuovo

I pensieri, che sono le parole che stanno nella vostra testa, sono i fotogrammi che passano davanti alla Luce del proiettore (la Coscienza indifferenziata) e creano il film sullo schermo (il mondo). Se voi cominciate a pensare di nuovo, a far girare le parole nella vostra testa, il mondo torna come prima. Dovete preservare, difendere il vostro stato di Turiya. Togliete le parole dalla vostra mente, notate la Coscienza indifferenziata e immergetevi in Essa nel samadhi. È il più grande dono che Continua a leggere →

I pensieri sono le parole

Vorrei indicarvi un modo per individuare subito la Pura Consapevolezza e quindi rimanervi immersi. Questa pratica è adatta ai sadhaka avanzati e di medio livello, ma anche un  principiante può provala e riuscire a ottenere temporanea una mente priva di pensieri. Se si dice a una persona di scacciare via i pensieri, quella non sa cosa fare, probabilmente cercherà di togliere energia dalla mente, ma l’energia non è la diretta responsabile dei pensieri; l’energia può anche eliminare i pensieri Continua a leggere →