estinzione dei sensi di colpa e distacco dal corpo

— Ciao Sergio. Dicevamo qualche giorno fa che rimanere nel Sé è tutto. Da qui arriva tutto il resto: con abbondanza, chiarezza, e tanta semplicità… quasi un’ovvietà. Per la prima volta i miei vecchi sensi di colpa si sono sciolti nel Sé. Erano della qualità della Vera Natura, ma la mia mente li aveva separati... Ogni cosa si è riassorbita. Ora posso vedere un nuovo panorama. Il vecchio, anche cercandolo, non lo trovo più. — Ahah… Questo mi ricorda tanto la storia di Sōsan, il Continua a leggere →

è necessario un certo tempo di nirvikalpa samadhi perché le vasana annichiliscano

— In questi giorni c’è Silenzio, Vuoto, Amore. I movimenti mentali si placano, le parole si spengono. Medito, e puntualmente cado nel waking sleep, nel Vuoto dove Solo Lui È. Quando ‘ritorno’, ogni volta è come aver lasciato qualcosa che non serve più. Ho fatto un sogno. Io Sono l’osservatore del sogno. L’attenzione-osservazione non è sulla ‘storia’ del sogno ma su un ‘oggetto’ del sogno: una lanterna con all’interno una candela accesa. Noto che non c’è il bagliore Continua a leggere →

rimanere stabile nel Sé è tutto

Sergio – Amo molto il tuo abbandono a Dio. M. – Sto vivendo con sempre più profondità e consapevolezza la perdita delle identità e la transitorietà degli eventi, delle emozioni, delle forme e della mente. Allo stesso tempo resto meravigliata di fronte alla incredibile creatività di Dio e sperimento ogni evento con estrema presenza, rinunciando a dire sì o no ma lasciandolo accadere, testimone senza giudizio di ciò che c'è, così com'è. È come un liquefarsi. S. – Sto selezionano, Continua a leggere →

sonno sveglio

— Verso le 10 di oggi, improvvisamente sono colta dall’ispirazione di seguire il tuo consiglio ed entrare nel waking sleep [sonno sveglio] e abbandonarmi completamente e definitivamente al Sé. Mi distendo sul letto con l’intento di entrare nel waking sleep, contattare la paura di morire e aprirmi all’Amore per dissolve questa paura. Mi stupisco della facilità con cui entro nel waking sleep nonostante i dubbi iniziali della mente… Pochi istanti e sono in questo sonno consapevole Continua a leggere →

flussi di amore e beatitudine si sostituiscono alla mente

— Carissimo Sergio, questa mattina ho pianto di commozione e gratitudine. Flussi di Beatitudine si sostituiscono alla mente. L’attenzione è naturale. La gentile Kundalini Mi disvela in Quello. Tranquillità, Pace. Lo Sguardo e il Respiro di Dio è dentro Me. Sono Innocente Sospensione nel Presente. Sono abbandono al Sé. … Verso le 23 sento nel profondo che non riesco ancora a vedere in Me la completa accettazione di Me. Decido di applicare il Protocollo del “Ritorno alla Perfezione”. Osservo Continua a leggere →

la ricerca spirituale seria ha un suo metodo scientifico

— Ci sono idee discordanti dei vari Guru su alcuni punti. Ma molti in passato concordavano sul fatto che prima di iniziare a leggere cose dovevi realizzarti o comunque leggere molto poco. Fermo restando che molti leggono un libro con le parole di Ramana e Nisargadatta e lo leggono in uno /due giorni quando ci vorrebbe per lo meno un anno. Mi sono sempre chiesto: la realizzazione o come la si vuole chiamare non può essere sempre un’illusione creata dalla mente. Infondo si cerca di spiegare qualcosa Continua a leggere →

l’amore è la pulizia mentale ultima – 2

Vi mostro come un’aspirante molto molto avanzata ha praticato il protocollo proposto nel post precedente. Ha letto il mio post stamattina e ha fatto tutto da sola. L’esempio è particolarmente interessante perché la sua avanzata libertà interiore le permette di individuare subito uno di quegli schemi inconsci che impediscono la piena espansione dell’amore, cosa che a un’aspirante di livello medio richiede varie ore di sedute di avvicinamento. Si dà l’istruzione: – Contatta un Continua a leggere →

attenzione, attenzione, attenzione

— Mi estraneo dal percepito... Resto solo io. Ti farò sapere cosa succede... Bella questa sadhana. — Questa non è la sadhana, è solo l’inizio. È il frutto della pratica del testimone e di neti-neti. Puoi ringraziare questa pratica e andare oltre. Questo ‘resto solo io’ come lo percepisci? Come pura Coscienza, come puro Essere, come Presenza consapevole, come Io universale? In qualunque modo ti piace percepirlo, quello è il Sé percepito dalla mente sattvica, cioè la mente Continua a leggere →