disidentificarsi dalla propria persona definitivamente

— Sono rimasta colpita dai tuoi ultimi post. Ho realizzato che c’è ancora bisogno di sforzo. In alcuni momenti mi accorgo che se compio una serie di azioni a catena che richiedono rapidità, senza usare la calma, esco dal Sé. — Papà Ramana raccomanda a chi non è ancora del tutto stabile nel Sé, di lavorare con calma, così da avere sufficiente attenzione per vigilare di non uscire dal Sé. Inoltre ha indicato che lo sforzo può essere necessario anche un istante prima di ottenere la Continua a leggere →

pratica il rimanere nell’idea che sei il Sé!

— Sento che se non pratico intensamente, la mente si espande e finisce per dominare solo la personalità e nessuna chiarezza. — Non avere remore di praticare con sforzo se di sforzo v’è bisogno. Sri Ramana afferma che anche un attimo prima della Realizzazione irreversibile potrebbe esservi bisogno di sforzo.  È sufficiente rimanere nell’idea che sei il Sé. Non preoccuparti se non hai l’esperienza, quell’idea condurrà all’esperienza, soprattutto per te che già conosci il Continua a leggere →

piano causale, kevala e morte della mente

— Questa notte ho sognato che mentre parlavo con qualcuno di fronte a me, vedevo alle sue spalle un bambino uscire da una finestra e rimanervi a metà, mezzo dentro e mezzo fuori. Dico alla persona di fronte che non vede: “Guarda, il bambino sta scappando!”. In questi giorni ogni tanto c’è come uno sbiadirsi dell’io, e quando sento questo il Sé prende uno slancio. Però questa notte mi sono svegliata diverse volte e non ho dormito con la solita tranquillità. Vi abbraccio con immensa Continua a leggere →

un dolce miele mi chiama, mi attrae a sé, mi riempie mi ammalia, mi incanta e mi immobilizza, è simile a uno struggersi

Durante il giorno ho come la sensazione di essere leggermente narcotizzata, nel senso che guardo un panorama o qualsiasi altra cosa, ma il mio guardare non ha uno scopo preciso: è spazioso, è pulito… Magari mi soffermo a guardare la forma delle foglie di una pianta o i fiori del prato, ma senza i sottotitoli. Se ho la possibilità, ad esempio quando sono a casa, mi ci abbandono. Allora il respiro si fa sempre più dolce e delicato, un dolce miele mi chiama, mi attrae a sé, mi riempie mi ammalia, Continua a leggere →

come vive un realizzato?

Avendo raggiunto la consapevolezza del Sé, so che dal punto di vista assoluto sono prima del pensiero e perciò inconcepibile, inesperibile e oltre qualsiasi definizione, e che dal punto di vista della creazione fenomenica sono l’essenza di ogni cosa. Interiormente, di ogni apparenza non vedo più la forma ma l’essenza, dunque sono privo di discriminazione è ho identità con tutto. Essendo privo di discriminazione resto nel Sé con la mente inattiva. Esteriormente quasi sempre le cose vanno Continua a leggere →

ogni volta mi fondo in Quello

Noto che fondersi nel Sé sempre più, si accoglie Spontaneamente ogni cosa, situazione, luogo, persona ecc. Molto bello e vero l’ultimo tuo post sul ‘mollare’ l’attaccamento per il mondo. Adesso siamo in montagna per una vacanza di un po' di giorni. Subito la mente si intromette: “Oh che bello... Oh che scatole camminare con i problemi alla schiena” ecc. ecc. Ogni volta mi fondevo in Quello… Non c’è luogo migliore che Quello, il Sé. L.   Continua a leggere →

c’è solo l’Io: Quello

Ieri in meditazione è arrivato spontaneo l’osservare il respiro, come nel Kriya: dal terzo occhio fino a muladhara e poi su; una tecnica che ho fatto anni fa per diversi mesi... Quindi spontaneamente ho abbandonato il ‘fare’. Allora è apparso, non saprei come spiegare, un lieve vortice al cuore che fluttuava. Non era come battito d’ali, ma non trovo le parole per descriverlo. Poi è come aver confermato che c’è solo l’Io (Quello). Era già da un po’ che avevo questa ‘intuizione, Continua a leggere →

instabilità nel Sé: le vasana non sono state distrutte a causa dell’insufficiente concentrazione!

— Mi sembra di non riuscire a mettere sufficiente volontà nel concentrarmi sulla pratica e quasi sento di regredire nelle solite identificazioni mentali. — Ricevo spesso messaggi come questo. Se viene da un sadhaka principiante, bisogna controllare se la pratica è svolta correttamente e se ha compreso i principi dell’Atma Yoga. Ma se si tratta di aspiranti senior quasi sempre è un problema di Concentrazione! Incredibile quanto la Concentrazione sia in genere mal compresa nella via Continua a leggere →

qualcosa non funziona nel mio abbandono

— In questi giorni sta emergendo molta frustrazione. Probabilmente qualcosa non funziona nel mio abbandono. Mi è capitato di sentirmi libero al mattino, e poi ben presto mi scontro coi miei limiti, i dolori del corpo, la società composta da individui che seguono esclusivamente il loro ego anche a danno degli altri. — Fa sempre parte del processo di purificazione. A meno che l’aspirante non sia Sri Ramana Maharshi, non sarà in grado di dire “Bene, mi abbandono a Dio”, e vissero felici Continua a leggere →