Narada Bhakti Sutra

L’Insegnamento della Devozione Suprema del divino Narada uno dei più importanti testi bhakta Nella Bhagavad Gita 10:26, il Signore Krishna dice: “Tra tutti gli alberi sono l’Ashvattha; tra i devarishi sono Narada; tra i gandharva (semidei) sono Citraratha; e tra i siddha sono il muni Kapila”. Narada Bhakti Sutra Continua a leggere →

Sri Anandamayi Ma – attrazione e amore

L’amore è meravigliosamente cieco, perché non si sofferma sui difetti dell’amato, ma ama incondizionatamente attraverso l’eternità. Quando due persone che si vogliono bene sono separate dalla morte, la loro memoria mortale può non ricordare le promesse d’amore che si fecero, ma il vero amore non dimentica mai, né muore. Attraverso le reincarnazioni, l’amore passa dal cuore di una forma ed entra nel cuore di un’altra forma, ricercando l’amato, affinché tutte le promesse d’amore Continua a leggere →

guarda la paura in faccia ed essa non ti infastidirà più

Una volta il giovane Mukunda (che riceverà poi dal Guru il nome di Yogananda) chiese a Sri Yukteswar, il suo Maestro, di raccontargli qualche storia della sua infanzia. «Te ne racconterò una, con una morale! Mia madre tentò una volta di incutermi paura con la storia spaventosa di un fantasma in una camera buia. Mi recai immediatamente nella stanza ed espressi la mia delusione per non avervi trovato il fantasma. Mia madre non mi raccontò mai più storie di terrore. Morale: guarda in faccia Continua a leggere →

lo yoga della resa – Swami Shivananda

1. La resa a Dio è un valido e diretto modo per realizzare Dio. 2. La resa a Dio è il mezzo più facile e sicuro per realizzare Dio. 3. La resa a Dio è un mezzo affidabile per realizzare Dio. 4. Nulla si può ottenere senza arrendersi al Signore. LA TECNICA 5. Arrendi te stesso e tutti gli oggetti che possiedi ai piedi del Supremo. Vivi una vita dedita alla Devozione e alla Compassione. 6. Pensa che niente è tuo e che tutto appartiene a Dio. Questa è la resa a Dio. 7. Dai a Dio il Continua a leggere →

sei tu che hai creato il tuo corpo?

"Sei tu che hai creato il tuo corpo? Colui al quale appartieni è libero di occuparsene secondo la Sua Volontà; perciò possa Egli fare come vuole. Fai del tuo meglio per stare da parte e guardare pazientemente come uno spettatore. Quando la mente è a suo agio si guarisce rapidamente dalle malattie. In questo mondo in continua evoluzione, che è sostenuto da Lui che lo fa ruotare, si è verificata una certa calamità. Che cosa si deve fare? Non importa cosa sia successo, possa la Sua Volontà prevalere: Continua a leggere →

il suono del vento – Bernadette entra nel nirvikalpa

Ho postato altre due volte questo testo di grande ispirazione. Si tratta del primo capitolo del libro di Bernadette Roberts: “L’esperienza del non-sé”. Questa volta lo vedremo dal punto di vista del nirvikalpa, lo stato privo di concetti. ALCUNE NOTE: 1. Col termine ‘sé’ Bernadette indica il piccolo ‘io’, l’ego; perciò ‘l’esperienza del non-sé’ significa l’esperienza di non avere l’ego, l’io personale. 2. Bernadette testimonia l’esperienza del nirvikalpa Continua a leggere →

che cos’è il dharma?

Buddha risponde: Gotamī, le cose [dharma] che, a tuo giudizio, promuovono l’infatuazione [rāga], non la sobrietà [virāga], la costrizione, non lo scioglimento, l’aggiungere, non il togliere, l’ostentazione, non la semplicità, l’insoddisfazione, non la soddisfazione, il gregarismo, non l’autonomia, l’indolenza, non l’energia, l’avere molte esigenze, non poche esigenze: di queste cose puoi dire senz’altro “Questo non è il Dharma, non è la Disciplina, non è la parola del Continua a leggere →