un bracket per l’unione completa con tutto

Amore è un sinonimo di Dio, perciò se abbiamo dei sospesi verso altri, anche solo l’idea, siamo fuori dalla ‘totale’ Unione con Dio. Ho creato un bracket (girone) di mind clearing per eliminare questi residui di separazione: 1. Ricorda un altro che ti ferisce. Guardalo con gli occhi della mente e dimmi cosa senti, vedi e pensi di lui. Guardalo con gli occhi del Cuore e dimmi adesso cosa senti, vedi e pensi di lui. Fai un intento di divenire UNO con lui. 2. Ricorda te che ferisci un Continua a leggere →

quando ha inizio la salvezza?

Fin quando non rilevate il senso di una Presenza Interiore che in qualche modo c’è sempre, siete inevitabilmente destinati ad essere preda della mente. Lo scrivo perché il solo saperlo fa sì che facciate più attenzione alla Presenza Interiore, che comunque appare di tanto in tanto anche a chi è coinvolto nella mente. La Presenza Interiore si consolida con la vostra attenzione consapevole alla Presenza Interiore. All’inizio della pratica appare sporadicamente, ma se la notate e cercate Continua a leggere →

all’inizio grande sforzo per dare spazio alla pratica

All’inizio, ormai tanti anni fa, grande sforzo per dare spazio alla pratica. Con ancora i figli piccoli mi sembrava di negare del tempo a loro... Poi, piano piano, col tempo e la devozione, quello della pratica è diventato il tempo migliore, il sogno che si avvera... Adesso è come praticassi sempre: la mente sgombra, nessun pensiero oltre al respiro. Ciò non impedisce alle mani di fare, al cuore di battere, non impedisce di vedere bellezza e sentire profumi... Come quasi tutto si ampliasse e Continua a leggere →

devoto al Nulla, devoto a Dio

Quando guardi i movimenti di superficie tu vedi la baraonda-nonsenso della vita mondo. Se però hai capito che tutti i fenomeni sono Nulla, che sembrano entità reali solo perché la mente vi appiccica un’etichetta; appiccica, cioè, sopra l’oceano indifferenziato dei concetti che fanno apparire l’UNO indivisibile come una molteplicità caotica; se hai capito questo, allora finalmente il tuo sguardo sarà in grado di passare la baraonda-nonsenso di superficie e tu vedi Dio. Dio Continua a leggere →

tutte le sofferenze sono grazia di Dio

Discrimina e comprendi bene che tutte le sofferenze che arrivano dal prarabdha [karma che si manifesta nel presente] nella vita di un aspirante vengono inviate dalla grazia di Dio per rendere la sua mente più forte e così salvarlo. Lascia che egli le sopporti pazientemente come tapas [prove di austerità, sofferenze] senza esserne minimamente allarmato. Sri Ramana Maharshi - Guru Vachaka Kovai   Continua a leggere →

Principi e Regole della Comunicazione

Principi e Regole della Comunicazione scarica in formato PDF Ho notato che molti allievi non sanno affatto comunicare. Interrompere, rispondere fischio per fiasco, passare ad altro tema quando quello su cui si sta discutendo non è ancora concluso, non prestare attenzione a quello che l’altro sta dicendo… tutte queste cose sono ferite e rientrano a pieno titolo nella violazione dell’ahimsa (non-violenza). Questi difetti, di cui magari non vi accorgete, vi porteranno a ritirarvi in una certa Continua a leggere →

se vuoi la liberazione devi essere padre e madre per gli altri

Se vuoi la Liberazione devi capire una cosa: puoi fare tutte le tecniche che vuoi e avere tutte le esperienze spirituali che vuoi, ma se non sei BUONO CON GLI ALTRI ti serviranno a poco. Non sto dicendo che le pratiche e le esperienze spirituali non servano, sto dicendo che sono solo il 50%. L’altro 50% è essere buoni con gli altri. E per far questo non ti basta essere buono: DEVI ESSERE ANCHE TANTO UMILE, perché entrando in contatto ravvicinato con loro ti arriverà di ritorno tanta popò, Continua a leggere →

la pratica dello stare nell’osservatore

— Buon pomeriggio... Cosa fare con gli attaccamenti? Osservarli? Come le identificazioni? — 1. Per la pratica di stare nell’Osservatore, in primo luogo ci dev’essere una comprensione che tu non sei quegli attaccamenti e che gli attaccamenti sono le tue catene. 2. Ci dev’essere anche una comprensione che niente è più bello di quello che troverai dentro di te. La fede, nel senso più proprio, è questo. Tu puoi adorare un idolo, ma alla fine la vera fede è questa. In secondo luogo Continua a leggere →

riconosci che i pensieri non sono veri

Devi vedere che i pensieri non sono veri. I pensieri sono i fotogrammi illusori che creano il film. Ti ricordi di Tizio, di Caio, ciò che hai fatto con l’uno e con l’altro… Ma questi pensieri non sono veri! Che grado di dipendenza hai dai pensieri? Cioè: IN CHE MISURA DAI LORO CREDITO? Osserva questo. La misura in cui dai credito ai pensieri ti mostra la misura della catena che ti lega al samsara, a maya (illusione). Se i pensieri non sono veri, allora non è vero il film. Se Continua a leggere →