identificazione

Una volta, a un aspirante che chiedeva: “Che cos’è l’identificazione”, risposi: — Di cosa sei consapevole? — Di ciò che mi circonda, del mio corpo e del corpo degli altri, di ciò che penso... — Bene, chi sei? —. L’allievo allora indicò il suo corpo e la testa. — Questa è l’identificazione! Sentirsi meno di ciò che realmente si è, è l’identificazione. Puoi mai essere qualcosa di meno della tua stessa consapevolezza? Puoi mai essere ‘qualcosa’? Marco Continua a leggere →

la profonda comprensione che non è reale

Meditazione è rimanere fermi su un solo pensiero [nell’autoindagine è il senso dell’io, o di Essere]. Quel singolo pensiero tiene lontani tutti gli altri pensieri. La distrazione della mente è il segno della sua debolezza. Attraverso la costante meditazione la mente acquista forza, il che significa che la debolezza del pensiero fugace dà spazio un durevole sfondo privo di pensieri. Questa espansione priva di pensiero è il Sé. La mente pura è il Sé [i buddisti chiamano lo stato naturale Continua a leggere →