io non sono mai nato

Io non sono mai nato Né sono mai stato coinvolto in qualche azione Sono la pura coscienza che è talmente placida che nemmeno sa di Sé Da dove dovrebbe derivarle la spinta, l’idea, lo sforzo per l’azione di conoscersi? È e basta! Né ciò si può dire ignoranza che è qualcosa che esiste solo nella mente. In tale luce, la realizzazione è un evento che segna la fine dell’illusione Cioè la fine dell’identificarsi con gli oggetti del mondo. Una volta che tale risveglio è avvenuto Esso Continua a leggere →

ritorna al Sé

❝Non è attraverso la mente che troverai la risposta. Appena arriva un pensiero, un dubbio o una identificazione, ritorna al Sé e permanivi con determinazione. In questo moto non vi è alcun giudizio avverso, solo un delicato ricondurti a Casa. All’inizio potrebbe sembrare uno ‘sforzo’, in realtà diventerà sempre più naturale❞. Muktiji   Continua a leggere →

dall’io-persona all’io-assoluto, passando attraverso l’io-universale

Quando una persona comune cerca la propria identità dentro di sé, trova un io personale che si identifica col corpo fisico e la personalità: l’io-Sergio. L’io-Adalgisa, l’io-Giovanni ecc. Con la pratica spirituale a un certo punto gli compare l’Io-Universale. Egli si sente tutto e Uno con tutto. “Meraviglie delle meraviglie! Tutte le cose sono della stessa natura del Buddha”, si dice abbia esclamato il Sakyamuni sotto l’Albero della Bodhi. L’io universale è il piano di coscienza Continua a leggere →

quando non c’è chi agisce

Mukti: — A volte mi sembra come se non stessi vivendo la vita. Quando non c’è chi agisce, l’azione non lascia traccia nella mente e nella memoria. Non si può nemmeno dire che ogni istante sia a sé, perché in realtà non esiste nemmeno ‘ogni istante’... eppure esiste. “Brahman è la Realtà, l’universo è illusione, l’universo è Brahman”. Grazie ❣️   Continua a leggere →

vivere nello stato di non separazione

A un certo punto non puoi dare nessun nome al Sé, perché è oltre qualsiasi concetto. Puoi però chiamarlo ‘stato unitivo’. Quindi il Sé è essere Uno col momento presente così come appare nella sua specifica configurazione, con sempre minore attenzione alla specifica configurazione e sempre maggiore attenzione all’Uno, così che i momenti diventano un Unico Eterno Presente. Poi il concetto di tempo svanisce del tutto e non rimane nemmeno il senso di un eterno presente. Non importa Continua a leggere →

as time goes by

‘As time goes by’ è il titolo della celebre canzone tratta da ‘Casablanca’, altrettanto celebre film del ’42 con Humphrey Bogart ed Ingrid Bergman. ‘As time goes by’ significa ‘col passare del tempo’, e nel film sta ad indicare la trasformazione che subiscono le vite umane soggette all’azione del tempo. In questo post invece sta ad indicare la trasformazione del tempo stesso, e cioè che il concetto e la percezione del tempo sbiadiscono per lo Jnani, fino a sparire del tutto Continua a leggere →

il saggio dorme di giorno ed è sveglio di notte

B.: — Ciao Mukti. Volevo avere un confronto con te per capire se sto andando nella direzione giusta. Ieri ho chiuso gli occhi per cinque minuti e ho fatto l’autoindagine prima di andare a dormire. Poi ho fatto dei sogni, però era come se fossi sveglia e, non so neanche come descrivertelo, sentivo una serenità, una pace immensa, ed è strana, stranissima. È la prima volta che mi capita qualcosa del genere. Di solito quando mi alzo alle 4 del mattino medito, poi vado a dormire e sì, sento beatitudine Continua a leggere →

non ho provato dolore

Mukti: — Amato, ieri a scuola ero in piedi davanti alla porta; all’improvviso un bambino l’ha aperta con tale violenza che la maniglia mi è sbattuta contro una vertebra lombare e mi ha fatto cadere a terra. Il colpo è stato così forte e sordo che subito i presenti sono accorsi a vedere l’accaduto. Era il momento dell’uscita. Fuori era confusione, adulti che si agitavano, bambini spaventati... Io ho sentito solo il colpo sul mio corpo; incredibilmente non ho provato dolore e la mente Continua a leggere →

tutto è il Sé!

“Dirigi il tuo sguardo all’interno e rendi la tua coscienza assoluta. Dopo aver realizzato la Coscienza Assoluta, guarda all’esterno e realizza che l’universo non è separato dall’Assoluto realizzato”. (Ramana Maharshi, Discorso 311). Dall’Ashtavakra Gita, (vado a memoria): “Come l’aria non è differente all’interno e all’esterno del vaso, così non è differente la coscienza all’interno e all’esterno del corpo”. [Si tratta del versetto 1, 20, magnificamente rielaborato Continua a leggere →