un caro saluto

Un caro saluto, ... Oggi mi sei venuto in mente è ho pesato a un koan per te. Tu sei un praticante senior, hai molte esperienze dirette e raggiungi subito lo stato di pura consapevolezza che è il Sé; sat-chit, essere e consapevolezza sono i due modi in cui percepiamo la realtà suprema – Ramana diceva ‘sat è ciò che è, chit è la sua luce, ananda la sua natura’. Tuttavia, malgrado questo, hai preoccupazioni ed ansie: sono identificazioni! È una condizione di molti sadhaka. Continua a leggere →

Non devi fare più niente

— No, al tuo livello non devi più fare niente. Lascia piuttosto che sia. Ricorda che Sahaja significa ‘naturale’. Se tu continui a spingere per cercare qualcosa o per cercare di andare più in profondità, come può essere questo uno ‘stato naturale’, il sahaja samadhi? Spingendo tu entrerai in un’identità di qualcuno che agisce per cercare di raggiungere qualcosa che non ha o che non è già se stesso. Lo so, il Sé in cui permani potrebbe essere più profondo o più puro. Questo Continua a leggere →