brevi momenti ripetuti più volte al giorno

— Salve, seguo sempre con molto interesse il vostro sito che mi aiuta parecchio ad approfondire l’insegnamento di Ramana Maharshi, anzi più di una volta leggendo gli articoli ho capito tanti dettagli importanti per la mia pratica. Ho un dubbio però che spero possiate sciogliere, nella pratica di meditazione dopo un lungo periodo di prova finalmente ho capito Atma Vichara ovvero il rivolgere tutta la mia attenzione verso l’interno, verso me stesso… Sensazione indescrivibile. — Ottimo! Continua a leggere →

Come uccidere l’ego?

D. – Qual è allora la differenza fra meditazione e ricerca del Sé (atma vichara)? M. – La meditazione è possibile solo mantenendo l’ego. Vi è l’ego e l’oggetto sul quale si medita. Si tratta dunque di un metodo indiretto. Il Sé invece è unico. Invece quando si cerca l’ego (atma vichara), cioè la sua sorgente, l’ego scompare. Ciò che resta è il Sé. Questo è il metodo diretto. D. – Allora cosa devo fare? M. – Rimanere aggrappato al Sé. D. – Come? M. – Anche adesso Continua a leggere →

La Via del Tantra

— Ciao Sergio, come stai? Io mi trovo a confrontarmi con nuove “malattie”... Sembra che emozioni e pensieri creino blocchi fisici coi quali non so come comportarmi, se mai ci sia un modo... In questi giorni Cinzia si trova in vacanza in Inghilterra e io provo un senso di “mancanza” veramente intenso; non mi era mai capitato nulla di simile. Questo senso di mancanza però non sfocia in particolari pensieri o emozioni, ma è come un blocco al plesso solare, sento pesantezza sul petto e Continua a leggere →