il secchio, il pozzo e la corda

Esiste una stabilità nel Sé che è ancora nell’ambito di Manolaya (la dissoluzione temporanea). Per usate la metafora di Sri Ramana, il secchio (l’ego) si è immerso nel pozzo (il Sé) ma la corda non è stata recisa perciò può ancora ritornare su, anche dopo alcuni anni. Io ebbi l’esempio di un amico indiano. Sembrava a tutti gli effetti realizzato ed era pieno di amore e delicatezza. Proprio per questo ebbe successo come maestro spirituale e fu invitato a Los Angeles. Lì conobbe artisti Continua a leggere →

Divinità qui e ora

“Divinità, qui e ora. Insegnamenti di Sri Ramana Maharshi” è un eBook a cura di A.R. Natarajan. Lo trovate su Amazon in formato Kindle a 2,99€. Inizia così: “Divinità Qui e Ora: non è un attraente slogan. Senza pensare al presente, noi oscilliamo tra il passato e il futuro, come meri balocchi del tempo-karma. Sri Ramana Maharshi mostra cosa significhi vivere naturalmente donando piena attenzione a ciascun momento della nostra vita”. È molto bello, no? Ma come si fa? Quando Continua a leggere →

Upadesha Manjari – Insegnamenti Spirituali

Raccolta di insegnamenti di Sri Bhagavan Ramana Maharshi 1. Quali sono le caratteristiche di un vero maestro (Sadguru)? R. – Stabile permanenza nel Sé, guardando a tutto con occhio equanime. Incrollabile coraggio in ogni momento, in ogni luogo e circostanza, ecc. 2 . Quali sono le caratteristiche di uno studioso serio (sadsisya)? R. – Un intenso desiderio di rimuovere il dolore e di conseguire di gioia, ed una intensa avversione per ogni tipo di piacere mondano. Vedi l’intero testo Continua a leggere →

come avviene la liberazione

Amati, non ero soddisfatto di come ho trattato la distinzione tra Trascendenza e Immanenza nel post “L’Amore e il Nulla”, così l’ho riscritta… Il Divino, ciò che realmente siamo, ha due aspetti: il Trascendente, che è prima della manifestazione, e l’Immanente che è essere tutte le cose della manifestazione. il Trascendente viene descritto come Vuoto, Vacuità o Nulla, ma tali attributi si riferiscono all’illusorietà/inconsistenza della manifestazione. Se l’aspirante non e Continua a leggere →

na karmanā na prajayā

Si tratta di mantra estratti dal Yajurveda recitati ogni giorno all’ashram di Sri Ramana Maharshi al termine di ogni recitazione dei Veda: L’immortalità non si ottiene con le azioni né generando figli né con la ricchezza. Alcuni ottengono questo stato con la rinuncia. I saggi (che hanno conquistato i sensi) ottengono quel Sat che è più eccelso dei cieli e che splende da solo nel Cuore. Gli adepti che attraverso la rinuncia e la concentrazione sono diventati puri di cuore e hanno realizzato Continua a leggere →

la tolleranza senza fine

Il mondo è cattivo? Io lo vedo come una Perfezione dormiente. C’è tanta ignoranza, da cui nascono tante scelte e azioni sbagliate, ma la base è Luce. Ogni qual volta gli chiedevano cos’è Maya, Sri Ramana rispondeva diretto: “È il Sé!”. Da tale visione – e sentire – nasce la spinta ad esser disposto ad attendere l’eternità per chiarire l’ignoranza che vela la Luce con qualsiasi essere senziente – un buon genitore dovrebbe farlo per i figli, no? Allora, interiormente, Continua a leggere →

Victor Truviano

Victor Truviano è argentino; è stato un violinista celebre nel suo paese con molti allievi. Poi è cominciata una radicale trasformazione – lui dice che ha cominciato a ricevere dei ‘messaggi’. Sono 13 anni che non mangia né beve e mostra una dozzina d’anni in meno. Di sicuro, anche solo guardandolo, vi renderete conto che avete a che fare con un essere che non è più di questo mondo (anche se non sono in grado di dire attraverso dei video quanto egli debba ancora progredire sul sentiero Continua a leggere →

dovresti considerare il mondo solo come un sogno

“Dovresti considerare il mondo solo come un sogno. […] Non permettere alla tua mente di essere distratta dalle cose oggettive e dai pensieri. Ad eccezione del badare al tuo dovere quotidiano nella vita, il resto del tempo dovrebbe essere dedicato al dimora nel Sé. Non sprecare nemmeno un secondo nella disattenzione”.

Sri Ramana Maharshi

la relazione umana

La relazione umana fa parte dell’illusione. L’aspirante pronto alla liberazione non se ne fa un problema. Mi viene in mente Shivabalayogi. Lui sedeva in samadhi per 11 ore al giorno, secondo le istruzioni del suo maestro. In un villaggio lo credettero uno spettro e tentarono di bruciargli una gamba con uno straccio imbevuto di kerosene. Allora lui andò a meditare al cimitero, perché là la gente aveva paura di andare di notte. Che relazione umana ebbe? Io ho tentato di fare esistere una Continua a leggere →