il silenzio che trascende le condizioni

— Questa mattina sono entrato in samadhi. La mente si è fatta da parte e sentivo un armonico silenzio che si espandeva in tutto ciò che mi circondava. Ora, quando inizio a meditare, la mente si spegne, ma non riesco a percepirmi, è una sorta di black-out. — Sono molto contento per te! “Il mauna samadhi (il samadhi del silenzio) è il più elevato”, diceva Sri Ramana Maharshi. Devi abbandonare l’abitudine di percepirti. Sai bene che non puoi perché sei tu il Soggetto unico e mai Continua a leggere →

l’ego è un pensiero

L’ego è un pensiero, il primo da cui nascono tutti gli altri, la dualità e il mondo. Il Principio-Io, che è universale, si identifica col corpo e crea il pensiero-io, che è personale. Col tempo il pensiero-io diventa un agglomerato, con emozioni, ricordi, credenze e varie identità (sono padre, marito, maestro spirituale ecc.), ma il nucleo dell'ego è il pensiero-io. Lo puoi testimoniare. Se tu testimoni l’ego, allora non sei l’ego. Continua a leggere →

sempre un occhio al principio-io

Chi ha già l’esperienza diretta di essere consapevolezza, chi sente il Principio-Io – cioè quell’Io che è prima dell’io personale, il cosiddetto ‘pensiero-io’ – deve mantenere sempre un occhio al Soggetto (Principio-Io, Pura Consapevolezza, Puro Essere, Presenza) anche quando esplica delle attività; altrimenti non riuscirà a testimoniarle, e si tramuterà in un personaggio del gioco, cioè in un oggetto (schiavitù). Anche l’immaginazione – il sogno ad occhi aperti – non Continua a leggere →

il mind clearing di buona qualità

“Caro Sergio, dopo la tecnica di mind clearing che abbiamo fatto, oggi ho avuto momenti in cui non avevo i soliti pensieri invasivi. Vedevo solo la luce presente nel posto in cui stavo...”. Il mind clearing di buona qualità è puramente discretivo. Sostituisce gradualmente la mente con la Presenza consapevole, che è pura autocoscienza. All’inizio l’aspirante dev’essere guidato, poi impara a praticare da solo, e poi c’è il permanere nella Presenza consapevole quando questa, messa Continua a leggere →

il senso dell’io

Il senso dell’io non è il pensiero ‘io’. Il senso dell’io è il Sé, e dimorando/immergendosi in esso si raggiunge la fusione col Sé. Il pensiero ‘io’ è un’immagine/concetto mentale che abbiamo di noi stessi come individuo separato e desiderante. Nell’essere non risvegliato il pensiero ‘io’ si sovrappone al vero IO, il Sé, e sembra essere il vero Soggetto, mentre è solo un concetto. È il primo concetto a emergere dal Sé, e nel Sé scomparirà come tutti gli altri Continua a leggere →

Non mollare l’io nemmeno per un secondo

— Caro Sergio, eccomi qua. È bastato leggere il tuo post per ricadere nel Cuore (posso continuare a chiamarlo così?). Ed è stato un continuo entrare ed uscire. Appena mi accorgevo che ne ero uscita, richiamavo la sensazione di io, e mi ritrovavo in questo stato di gioia. Questa mattina riparto nella stessa maniera. È così semplice che non capisco come mai talvolta non ci riesca e come mai certe situazioni ed emozioni mi riportino fuori. — Avviene proprio così al tuo livello. Entrare Continua a leggere →