autoindagine

Autoindagine Discorsi su Sri Ramana Maharshi Narrati da David Godman Il testo che segue è la traduzione completa del seguente Video ❖ ❖ ❖ Mi trovo a Palakottu nell’ashram di Annamalai Swami. Qualche minuto fa, mentre Henri ed io, prima di filmare, parlavamo dell’opera di Bhagavan ‘Chi sono io?’. Lui ne ha tirato fuori una copia chiedendomi di commentarla. Questo è il libro – direi l’opuscolo, date le poche pagine – che contiene tutto l’occorrente per iniziare la Continua a leggere →

Riconoscere l’Illuminazione

Riconoscere l’Illuminazione Discorsi su Sri Ramana Maharshi narrati da David Godman Testo tratto dall’omonimo video di David Godman   Sono venuto qui accanto al santuario di Gurumurtam perché ho pensato fosse il luogo adatto all’argomento di cui parlerò, vale a dire: quante persone riconobbero l’illuminazione di Bhagavan, e quante persone riconobbe lui come illuminato? E qual è la facoltà che permette all’illuminato di vedere che altre persone si trovano nel suo stesso Continua a leggere →

l’Autoindagine spiegata da Sri Ramana Maharshi

Domanda: Qual è la via dell’indagine per comprendere la natura della mente?. Maharshi: Quello che sorge come ‘io’ nel corpo è la mente. Se si indaga su dov’è che nel corpo l’io appare prima, si scopre che sorge nel cuore. Quello è il luogo in cui ha origine la mente. Anche se si pensa di continuo: io - io - io… si viene condotti in quel luogo. Tra tutti i pensieri che sorgono nella mente, il pensiero ‘io’ è il primo a presentarsi. È solo dopo il suo sorgere che emergono gli Continua a leggere →

hishiryo, il non-pensiero

La parola giapponese shiryo (accento sulla ‘o’) vuol dire ‘pensiero’, il suffisso hi funziona come alfa privativo, perciò hishiryo vuol dire non-pensiero o non-pensare. L’illuminazione è molto facile; ecco come la spiegano i testi zen: la vuota illuminazione illumina se stessa non vi è bisogno del benché minimo sforzo mentale è la realtà del non-pensare (hishiryo) una realtà oltre l’inquietudine del ragionamento e delle emozioni. Come e si raggiunge hishiryo? Attingiamo Continua a leggere →

il mantra

— Sto notando che il mantra Shiva Shambo sta andando in automatico nella mente anche quando non lo canto e quando mi sveglio di notte. — Questo è meraviglioso. Mi dai una notizia meravigliosa. Quando il Mantra va in automatico la mente è condannata a soccombere, di sicuro! Prima che vada in automatico il risultato è incerto, perché potresti sempre perderlo. Il mantra purifica tutto il corpo-mente. Il fatto che tu l’abbia stabilizzato in così poco tempo indica il tuo avanzato livello Continua a leggere →

come avviene che dall’ego si passa alla non-mente?

Per la grande simpatia (in senso etimologico) che ho con te vorrei condividere la mia opinione. Ciò non implica alcun impegno da parte tua di far qualcosa con ciò che ti dico o di entrare in una particolare relazione con me. Come avviene che dall’ego e dalla mente si passi alla non-mente? Vi sono dei passaggi: 1. L’aspirante attraverso la lettura dei testi sacri e le proprie stesse esperienze dirette che gli confermano gli insegnamenti che ha letto, comprende che il mondo è un’illusione, Continua a leggere →

Sergio al Sangha (gruppo Facebook chiuso)

Ho inserito l’amata Roberta col profilo Facebook che usa di più: Roberta Sakshi. Sakshi è il testimone, l’osservatore neutrale, in ultima analisi la ‘non-mente’. C’è una discussione se lo Stato Supremo sia un samadhi o meno. Ed Muzika diceva che non lo è, e che i samadhi – ritenuti dalla scritture indispensabili – non fossero in realtà necessari. La discussione nasce dal fatto che in molti samadhi c’è ancora mente, mentre in questo stato ultimo, lo stato naturale, come Continua a leggere →

stare a contatto con saggi e santi – 2

INTRODUZIONE – 2a parte Un devoto chiese al Maharshi: “La mia professione non mi consente di rimanere nelle vicinanze di Saggi e Santi. Posso avere la Realizzazione anche senza satsanga?”. Sri Bhagavan lo rassicurò: “Sat è ‘aham pratyaya saram’, che vuol dire ‘il Sé dei sé’. Il Santo è questo Sé dei sé. Egli è immanente in tutti. Può qualcuno rimanere senza Sé? No. Quindi nessuno è lontano dal satsangha”. “L’essere umano è sempre il Sé, ma non lo sa. Egli Continua a leggere →

brevi momenti ripetuti più volte al giorno

— Salve, seguo sempre con molto interesse il vostro sito che mi aiuta parecchio ad approfondire l’insegnamento di Ramana Maharshi, anzi più di una volta leggendo gli articoli ho capito tanti dettagli importanti per la mia pratica. Ho un dubbio però che spero possiate sciogliere, nella pratica di meditazione dopo un lungo periodo di prova finalmente ho capito Atma Vichara ovvero il rivolgere tutta la mia attenzione verso l’interno, verso me stesso… Sensazione indescrivibile. — Ottimo! Continua a leggere →