vidya maya e avidya maya: l’illusione che conduce alla conoscenza e l’illusione che conduce all’ignoranza

Maya come potere di illusione (avidya) 54. Un sadhu viveva in una stanza nel tempio di Dakshineswar. Non parlava con nessuno e trascorreva tutto il tempo a meditare su Dio. Un giorno una nuvola oscurò il cielo e poco dopo un vento leggero spazzò via la nuvola. Il santo uscì dalla stanza e cominciò a ridere e ballare. Il Maestro gli chiese: “Come mai tu che passi le tue giornate quieto nella tua stanza oggi balli per la gioia?”. Il santo rispose: “È così che Maya avvolge questa vita! Continua a leggere →

i discorsi di Sri Ramakrishna

Un Pandit: — I teosofi affermano che ci sono Mahatma. Dicono anche che ci sono diversi piani e sfere, come piano astrale, piano devachanico, sfera solare, sfera lunare ecc. e che il corpo sottile dell'uomo può andare in tutti questi luoghi. Dicono molte altre cose del genere. Bene, Signore, qual è la vostra opinione sulla teosofia? Ramakrishna: — Solo Bhakti è suprema, Bhakti o devozione a Dio. I teosofi si prendono cura della Bhakti? Se lo fanno, va bene. Va bene se realizzano Dio per Continua a leggere →

la paura di divenire inabili a gestire la propria vita dopo la realizzazione

Quasi tutti gli aspiranti che si avvicinano alla liberazione e che hanno responsabilità sociali (figli, famiglia, lavoro) hanno paura di diventare incapaci a mandare avanti la propria vita, e ciò si traduce in una resistenza più o meno inconscia alla liberazione. Questa paura nasce dagli assorbimenti che gli aspiranti sperimentano in meditazione: il nirvikalpa samadhi, in cui si perde la consapevolezza del corpo e del mondo, e i rapimenti nella beatitudine, che ha quasi lo stesso effetto. La Continua a leggere →

jnana senza bhakti è come una ferrari col motore di una lambretta

Jnana senza Bhakti è come una Ferrari col motore di una Lambretta. Secondo la concezione di Sri Jnaneshwar bisogna prima praticare il sentiero di Bhakti e poi praticare Jnana. Ma Jnaneshwar è vissuto nel 1200. Come fare oggi con Internet in cui si trovano tutte le informazioni possibili (o quasi), sia buone che cattive? C’è più offerta che domanda… :-D   Così io non trattengo alcun insegnamento, do tutto subito. Poi vado attraverso un dialogo con sadhaka tentando di cucire una sadhana Continua a leggere →

come pregare Dio

Hai versato lacrime quando hai pregato e prima della meditazione? Una volta passai una notte a Dakshineswar con molti altri discepoli, e il Maestro ci raccolse tutti in meditazione. Mentre comunicavamo ognuno con la propria Divinità preferita per l’adorazione, spesso ridevamo o piangiamo in estasi. La pura gioia che provavamo in quei giorni di giovinezza non si può esprimere a parole. Ogni volta che mi avvicinavo a Sri Ramakrishna, mi chiedeva: “Hai versato lacrime al momento della preghiera Continua a leggere →