flussi di amore e beatitudine si sostituiscono alla mente

— Carissimo Sergio, questa mattina ho pianto di commozione e gratitudine. Flussi di Beatitudine si sostituiscono alla mente. L’attenzione è naturale. La gentile Kundalini Mi disvela in Quello. Tranquillità, Pace. Lo Sguardo e il Respiro di Dio è dentro Me. Sono Innocente Sospensione nel Presente. Sono abbandono al Sé. … Verso le 23 sento nel profondo che non riesco ancora a vedere in Me la completa accettazione di Me. Decido di applicare il Protocollo del “Ritorno alla Perfezione”. Osservo Continua a leggere →

sono sempre soddisfatta

In primo piano Ora c’è Lei, la Beatitudine... È Lei che “mi porta” in giro, che mi guida. ...SONO sempre soddisfatta, ogni momento Presente... che io stia lavorando, scrivendo, mangiando... Completezza e soddisfazione permanente… Sì certo, se al lavoro ti arriva quello che si fa portare in giro dal suo ego arrabbiato, il mio “Essere soddisfazione” va un po’ sullo sfondo... ma riemerge dopo pochissimo! D’altra parte SONO APPENA NATA... ma crescerò! — Se ti si dovesse dare Continua a leggere →

la paura di divenire inabili a gestire la propria vita dopo la realizzazione

Quasi tutti gli aspiranti che si avvicinano alla liberazione e che hanno responsabilità sociali (figli, famiglia, lavoro) hanno paura di diventare incapaci a mandare avanti la propria vita, e ciò si traduce in una resistenza più o meno inconscia alla liberazione. Questa paura nasce dagli assorbimenti che gli aspiranti sperimentano in meditazione: il nirvikalpa samadhi, in cui si perde la consapevolezza del corpo e del mondo, e i rapimenti nella beatitudine, che ha quasi lo stesso effetto. La Continua a leggere →

un solo Dio ma realizzazioni diverse?

Ieri ho colloquiato con un praticante che è un grande appassionato del testimone.  Mi ha scritto: “L’unica cosa che conta è isolare il senso dell’io e guardarlo. Di conseguenza emerge il testimone che è sempre stato lì. Che uno stia pregando il Signore o facendo sesso (ha usato un’espressione più colorita) in un orgia o ammazzando qualcuno, Il testimone se ne frega”. Sollecitato da me, ha poi espresso biasimo verso gli Avatar che avrebbero fatto danno con il loro buonismo e con Continua a leggere →

il vero io

Quando l’aspirante tocca con l’attenzione il Vero IO, ci si sente come toccato al Cuore. ‘Essere toccati al Cuore’ è un modo di dire perché non si sa come dirlo meglio. Provo a spiegarlo: è Pura Identità, è il più Intimo e Vero, è tutto e l’unica cosa che c’è, è al di là della creazione. È Essere-Coscienza, e quando ti senti toccato e capisci che Quello sei tu, si apre un oceano di Beatitudine. Se invece non ti senti toccato nell’Identità (che è in Sushumna nadi), rimane Continua a leggere →

samadhi

Colui che vede tutti gli esseri nel Sé e si è ritrovato in tutti gli esseri, da cosa si ritirerebbe? Chi ha scoperto questa Unità, quale dolore, quale illusione può ancora toccarlo? Si muove, eppure non si muove! È lontano, eppure è a portata di mano! È dentro tutto questo, eppure è anche al di fuori di tutto questo. Il pensiero stesso non può raggiungerlo, né possono farlo gli dei. Sebbene stia fermo, corre più veloce di tutti. Conoscenza e ignoranza sono uguali per lui, Continua a leggere →

il principio-io

Il ‘Vero Io’ è non localizzato, non personale ma universale, non ha niente a che vedere col corpo, con la mente e col mondo (che è una proiezione della mente), è quindi l’Unica Realtà, non ha bisogni perché è pago di Sé stesso, ed è insieme Puro Essere e Pura Coscienza. Quando portate l’attenzione alla sensazione di ‘io’, nella vostra mente si forma immediatamente un’immagine di voi stessi. Questa immagine è il risultato dell’identificazione del Principio-Io, il vero voi, Continua a leggere →

quando ha inizio la salvezza?

Fin quando non rilevate il senso di una Presenza Interiore che in qualche modo c’è sempre, siete inevitabilmente destinati ad essere preda della mente. Lo scrivo perché il solo saperlo fa sì che facciate più attenzione alla Presenza Interiore, che comunque appare di tanto in tanto anche a chi è coinvolto nella mente. La Presenza Interiore si consolida con la vostra attenzione consapevole alla Presenza Interiore. All’inizio della pratica appare sporadicamente, ma se la notate e cercate Continua a leggere →

il sattva-beatitudine

La prima fase del percorso di crescita per la maggior parte degli aspiranti è caratterizzata dallo sforzo, dovuto alla purificazione. Questa purificazione porta a un aumento di sattva: purezza. E questo sattva a un certo punto si presenta come gioia e beatitudine interiore. Questo è il punto in cui la crescita comincia la levitare da sola. L’aspirante inizia ad essere spontaneamente attratto all’interno, dove trova questa crescente gioia/beatitudine autogenerata, a cui si abbandona Continua a leggere →

tu sei la beatitudine del Sé

Tu sei la beatitudine del Sé. è quella che devi trovare e rendere stabile. E devi capire che quella beatitudine sei tu! altrimenti continuerai a cercare di migliorare il corpo, la persona, la vita, il mondo… non per amore e servizio, ma per sopravvivere. Lascia che quel che deve accadere accada. Ma come essere veramente distaccati senza essersi stabiliti in quella beatitudine? Tu che hai avuto esperienza di quella beatitudine abbi chiaro in cosa devi stabilirti! Tanti sono gli Continua a leggere →