manolaya

Quando incontrai per la prima volta il termine Manolaya, la dissoluzione temporanea dell’ego, pensai all’esperienza diretta dell’Intensivo. Semanticamente ci può anche stare, ma quella è proprio solo un lampo. Oggi credo che Manolaya, in modo più proprio, vada riferito al Kevala Nirvikalpa Samadhi, lo stato in cui si risiede nel Sé ma si notano ancora vasana che potrebbero forse un giorno far riemergere l’ego. Inoltre, leggendo del Kevala Nirvikalpa Samadhi su ‘Sii Ciò Che Sei’, Continua a leggere →

lo stato naturale è senza mente

Ranjit Maharaj: “La Realtà è senza stato e senza pensiero”. Mukti - Questo è il senza forma. *    *    * COMMENTO DI SERGIO Anche se nel sahaja samadhi si è, senza pensieri, nell’Abbandono alla Realtà suprema, l’essere senza mente non significa giacere in uno stato comatoso, altrimenti Mukti non avrebbe potuto commentare. L’essere senza mente significa aver reciso il nodo della propria identità con la mente.   Continua a leggere →

amore e perfezione

Mukti — Sono così piena d’amore e perfezione. Sergio — È la perfezione del Sé. Quando si fissa l’attenzione su ciò che non cambia – la pura Coscienza, l’Essere, la Presenza, l’Io Sono universale – invece che seguire come un cagnolino inconsapevole tutto ciò che ci presenta la mente, svanisce il dolore dovuto ai moti altalenanti delle apparenze, e si sta pieni di perfezione e grazia. Nel sahaja samadhi, mantenere l’attenzione sul Sé diventa naturale, e quindi priva di sforzo.   Continua a leggere →

il sahaja samadhi è assai vicino

Mukti: — La percezione dello stato di veglia e quella dello stato di sogno sta diventando la medesima. In alcuni momenti, per me le azioni potrebbero svolgersi all’interno di un sogno o accadere nella cosiddetta realtà dello stato di veglia, non c’è differenza. Sergio: — Ciò significa che la tua disidentificazione da Maya è diventata così profonda che appare indifferente se un’azione avvenga in un sogno o nello stato di veglia. Significa anche che il tuo essere stabilita nel Sé Continua a leggere →

il modo di sentire del sahaja samadhi

Ieri sera riflettevo su come è cambiato il mio sentire. Un tempo pregavo; passavo in rassegna le persone care e immaginavo per loro: salute, abbondanza, sostegno e realizzazione delle cose per loro preziose. In altri momenti meditavo, praticavo l’indagine e osservavo le cose come testimone. Ora si manifesta il Sé e tutto è pago! Semplicemente, naturalmente. È sopraggiunto un pensiero: “Ma come, e i tuoi figli?”. Mi sono messa a cercare una risposta, ma come acqua che scorre allegra Continua a leggere →

tutto è indistintamente God Beautiful!

— Maestro, ieri ho sperimentato ancora il savikalpa samadhi. Stavo vedendo un vecchio video sullo smartphone e sono stato catapultato un una dimensione ricca di colori e stati interiori di beatitudine. Poi la mente ha collegato questa esperienza a vecchi vissuti e il samadhi si è interrotto, perché ho pensato che l’esperienza contenesse delle vasana da purificare. Devo ancora migliorare l’abbandono. C’è una dimensione infinita e stupenda nel Sé. — Amato, se vuoi realizzare il sahaja Continua a leggere →

l’evoluzione della relazione duale

L’evoluzione della relazione duale consiste nel tramutarsi in samadhi, lo stato unitivo. Il primo tipo di samadhi è il savikalpa, dove senti di essere Uno con ogni altra cosa nell’essenza, ma compare ancora l’apparenza della forma. Per esempio, guardo un albero e sento che io e l’albero siamo Uno. Poiché l’apparenza è mente, viene detto che nel savikalpa c’è ancora mente. Sri Patanjali negli ‘Aforismi sullo Yoga’ lo chiama sabija samadhi. In sanscrito ‘sa’ vuol dire ‘con’ Continua a leggere →

sul nirvikalpa, il sonno profondo e lo stato naturale

Alcuni ricorderanno che parlando del nirvikalpa samadhi – che è lo stesso stato del sonno profondo consapevole e così pure di turiyatita –, ho detto che se l’aspirante identifica la Liberazione con l’esperienza temporanea del nirvikalpa, si troverà in difficoltà perché quell’esperienza va e viene. L’esperienza del nirvikalpa deve tramutarsi nell’identità stessa dello jnani. Allora il nirvikalpa rimarrà continuamente presente in tutti gli stati, e prenderà il nome di sahaja samadhi, Continua a leggere →

non basta qualche samadhi per avere uno jnani

Sri Ramana Maharshi, discorso 465. Sri Bhagavan spiegò a un giudice dell’Alta Corte in pensione alcuni punti dell’Upadesa Saram. 1) La meditazione dov’essere un flusso di attenzione ininterrotto come una corrente. Quando è ininterrotta viene chiamata samadhi o kundalini shakti. 2) La mente può rimanere latente e fondersi nel Sé; in questo caso dovrà necessariamente riemergere. Quando emergerà ci si ritroverà come prima, perché le predisposizioni mentali che erano latenti si Continua a leggere →

non separarti da questo Io

Amata, questo Io non ha nulla a che vedere col mondo. Questo Io è Dio. Questo Io è il vero Te. È puro Essere e pura Coscienza, senza forma, illimitato, eterno e trascendente. È tutto quello che c’è. Ed è anche la sorgente dell’apparente molteplicità. Non lasciarti ingannare dalla molteplicità. C’è solo l’Io, e Quello sei Tu. Questo Io trascende la mente e l’annichilisce. E poiché la mente è la pellicola che fa apparire il film della molteplicità utilizzando la luce Continua a leggere →