Riconoscere l’Illuminazione

Riconoscere l’Illuminazione Discorsi su Sri Ramana Maharshi narrati da David Godman Testo tratto dall’omonimo video di David Godman   Sono venuto qui accanto al santuario di Gurumurtam perché ho pensato fosse il luogo adatto all’argomento di cui parlerò, vale a dire: quante persone riconobbero l’illuminazione di Bhagavan, e quante persone riconobbe lui come illuminato? E qual è la facoltà che permette all’illuminato di vedere che altre persone si trovano nel suo stesso Continua a leggere →

dopo il Ritiro di Autoindagine

Sentivo che c’era bisogno davvero di fare autoindagine in gruppo, da solo stavo un po’ battendo la fiacca nella pratica. All’inizio mi sono trovato di fronte al bivio che mi si presenta da giugno-luglio, cioè da quando ho scoperto che se porto l’attenzione degli occhi (io li tengo chiusi) verso l’alto succedono cose curiose e forse ‘importanti’: non vado nel dettaglio, anche perché le cose sono un po’ andate cambiando col tempo. Il fatto che noto di più è che con l’attenzione Continua a leggere →

uno dei paradossi più capziosi

Il paradosso è che tu sei lo stato di Unione, indipendentemente da ciò che avviene all’esterno nelle relazioni. Se non capite questo, non troverete mai Pace. Se le relazioni esterne vanno molto male e entrate nell’io separato per difendervi o contrattaccare, avete decretato la vostra caduta all’inferno, cioè la caduta fuori da ciò che siete. Potete anche difendervi e contrattaccare sul piano esterno, ma interiormente l’Unità rimane INTATTA! Allora c’è il Silenzio e la Pace. Potete Continua a leggere →

il nulla è ogni cosa

Nisargadatta Maharaj: “Questa fede nell’Io Sono, da che cosa dipende?... Questa convinzione di essere, su cosa si basa?” Con una tale intensa concentrazione l’autoindagine non solo scioglie la domanda, ma la risposta si rivela da ‘dentro’. Ancor più sorprendentemente: la domanda, la risposta, e l’ ‘io’ aveva posto la domanda si dissolvono nel NULLA. [da ‘Nothing is Everithing’] Continua a leggere →

Mula Maya

Nisargadatta Maharaj: — La verità è soltanto il Brahman totale, nient’altro che Brahman. In uno stato di Brahman totale arriva il tocco dell’esistenza: “Io Sono”. Ma questo “Io Sono” non è semplicemente un principio qualunque: è Mula Maya, l’illusione primordiale. * * * Mulaakaasharupatrayam mahaamaayaa LA RADICE SPAZIO APPARE IN TRE FORME E QUESTE TRE FORME SONO CHIAMATE MAHA MAYA L’energia primordiale è chiamata Mula Maya o Mula Prakruti, ed è sotto forma di spazio. Quando Continua a leggere →

un’innocenza mi scorre nelle vene

Un’innocenza mi scorre nelle vene. Non ricordo quello che è successo qualche settimana addietro, a meno di non sforzarmi; sono come il rinato che non ha memoria dell’incarnazione precedente, e quindi parte da zero! Sento una gran pace, ma non è confinata alla personalità: è universale, imperitura. Tutte le questioni risolte... La mia nuova vita? È tutta in questa pace; chissà cosa avverrà? Come una quiete in movimento, o una quiete che contiene in potenza il movimento, o una quiete che Continua a leggere →

sulla chiusura e il Sé

Quando tu sperimenti la Coscienza Universale nello stato non-duale, tu sei il Sole che splende alto nel cielo, sei il Sole allo zenit. Il Sole allo zenit riscalda, nutre e sostiene indistintamente ogni cosa, il bene come il male. Lo stesso fa la madre Terra: nutre Provenzano come San Francesco. In altri termini, la Coscienza Universale è indistintamente il genitore di tutti, e così devi essere interiormente tu, se vuoi essere Quello. Se non fai tuo questo principio, puoi essere il Sé solo temporaneamente; Continua a leggere →

l’Autoindagine spiegata da Sri Ramana Maharshi

Domanda: Qual è la via dell’indagine per comprendere la natura della mente?. Maharshi: Quello che sorge come ‘io’ nel corpo è la mente. Se si indaga su dov’è che nel corpo l’io appare prima, si scopre che sorge nel cuore. Quello è il luogo in cui ha origine la mente. Anche se si pensa di continuo: io - io - io… si viene condotti in quel luogo. Tra tutti i pensieri che sorgono nella mente, il pensiero ‘io’ è il primo a presentarsi. È solo dopo il suo sorgere che emergono gli Continua a leggere →

samadhi

Maharaj: Quando la coscienza si fonde in se stessa, questo è il samadhi. Quando non si conosce nulla, e non si sa nemmeno di non conoscere, quello è il samadhi. Domanda: Il corpo diventa rigido? M: Il corpo diventa tranquillo. Più tardi non vi sarà più consapevolezza del corpo. Quando si è liquidato tutto, quello è il sahaja samadhi. D: La sensazione è di splendore, effervescenza, all’interno e all’esterno; provoca un po’ di calore. M: Questo è naturale. Continua a leggere →

a la vita la vita…

Addolorato, contrariato per come vanno le cose nella vita? Amori infranti, problemi di salute, economici, di relazione?… Quando sei nel sonno profondo, dove vanno a finire tutti questi problemi? Scompaiono del tutto! Questo dovrebbe darti la traccia su come trovare la pace: se non guadagni un certo distacco dalla vita sei destinato a soffrire! E l’amore? Se non sei indifferente all’andirivieni delle vicissitudini della vita, che amore puoi dare? chi puoi aiutare?... Risali Continua a leggere →