quali segni ci dicono che l’abbandono alla vera natura si sta realizzando?

— Quali segni ci dicono che l’Abbandono alla Vera Natura si sta realizzando? — Rilassamento, ti senti nelle mani del Potere Superiore, smetti di forzare, si smorza e poi si perde l’io-agente, è tutto indistintamente perfetto quindi non hai niente da temere, cade l’importanza del tempo, comunione con tutto, silenzio interiore, sonno desto, samadhi… L’Abbandono è un processo di maturazione che per alcuni è semplice, per altri richiede molto tempo. Comunque, quale che sia il percorso Continua a leggere →

training per dissolvere l’identità con l’io-agente

Pur avendo avuto molte esperienze dirette del Sé, parecchi aspiranti continuano a identificarsi con l’io-agente. Ciò è dovuto all’abitudine! Per anni hanno fatto le stesse azioni in quella modalità, e ora continuano a farle entrando nelle vesti dell’io-agente. Ecco il training per rompere tale indesiderabile inerzia: Ricorda una volta in cui hai compiuto un’azione, o hai manifestato una reazione, identificandoti con l’io-agente. Come potevi fare meglio? Ripetitivo da 1 Continua a leggere →

due sogni e tre realizzazioni

Shivananda — Amato Sergio buongiorno. Ti mando gli ultimi due sogni. Nel primo tutte le parti sono me: l’azione del fotografare, la persona fotografata, la domanda e la risposta sono in pratica da me a me. Esclamo: “Sono io!”. “Ma come fa a sapere che sono io?”. Poi vedo una scena. C’è una persona seduta sulla sabbia. Da sotto la persona escono due braccia enormi e lunghe che con una fotocamera scattano una fotografia alla persona seduta e se ne ritornano sotto la sabbia. Allora Continua a leggere →

una visione errata – due tipi di maestri

C’è una visione errata nei maestri che dicono: “Lui o lei ristagna in questo tale stato e deve decidersi a uscirne”, rigettando così la responsabilità sull’allievo. Una tale proposizione può avere validità se riferita a soggetti che non hanno intenzione di cambiare. Ma se hai di fronte un aspirante volenteroso, che ti segue e che ha voglia di realizzarsi, È COMPITO DEL MAESTRO TROVARE IL MODO PER AIUTARLO A SUPERARE LE SUE BARRIERE! Altrimenti è come un medico che dice al paziente: Continua a leggere →

tutto è indistintamente God Beautiful!

— Maestro, ieri ho sperimentato ancora il savikalpa samadhi. Stavo vedendo un vecchio video sullo smartphone e sono stato catapultato un una dimensione ricca di colori e stati interiori di beatitudine. Poi la mente ha collegato questa esperienza a vecchi vissuti e il samadhi si è interrotto, perché ho pensato che l’esperienza contenesse delle vasana da purificare. Devo ancora migliorare l’abbandono. C’è una dimensione infinita e stupenda nel Sé. — Amato, se vuoi realizzare il sahaja Continua a leggere →

meraviglioso

La veglia non è diversa dal sogno, caro Sergio. Stanno accadendo movimenti esteriori importanti: sto cambiando sede di lavoro, la casa da ristrutturare che è in un contesto che prima era solo immaginato, un nuovo domicilio, presto l’arrivo d’un nuovo nipote, ciò che accade nel mondo... Non c’è differenza tra veglie e sogno, entrambi emanano dal Sé, perciò sono della stessa sostanza. Il Sé è sempre in primo piano in entrambi, quasi senza sforzo o intenzione. Dimorare nel Sé lasciandosi Continua a leggere →

ciò che chi aspira alla liberazione dovrebbe aver chiaro

● Mente acquietata è sinonimo di Sé. Con una mente agitata potete scordarvi di dimorare nel Sé. Potete al massimo aspirare a una esperienza diretta istantanea, che è assai lontana dallo stabilirsi nel Sé. ● La mente agitata non è la mente funzionale che ci indica come compiere qualche azione. La mente agitata è quella che nasce dall’io-agente, che è quello che si sente responsabile di quel che capita nel mondo: le tensioni di guerra in Ucraina, l’inflazione, il debito pubblico, Continua a leggere →

è questa una forma di samadhi?

— Poco fa, camminavo, ma non c’era un io a camminare. C’era il Sé, e una spinta a camminare. Non un “devo” camminare o “voglio” camminare, ma solo un movimento che accadeva attraverso un corpo. Ed ogni filo d’erba, ogni rumore, ogni forma di vita, ogni antenna, Tutto era Lui, ero Io. Poi, Ampi Spazi in cui c’era presenza ma non so cosa sia accaduto. Era come se dormissi e sognassi, presente, cosciente, ma staccata dall’illusione del sogno che stava accadendo in Me: quel camminare Continua a leggere →

Sri Ramana Maharshi sul testimone

Tu sei il Sé, nient'altro che il Sé. Qualsiasi altra cosa è pura immaginazione. Perciò SII IL SÉ QUI E ORA. Non c'è bisogno di scappare in una foresta o rinchiudersi in una stanza. Continua a svolgere le tue attività essenziali, ma liberati dall’associazione con l’io agente [con il credere di esser tu a fare le cose]. Il Sé è il Testimone, tu sei Quello. Continua a leggere →

essere il Sé o uno che va attraverso un divenire?

Conosci il Sé ma continui a vederti come uno che va attraverso un’evoluzione, un divenire. Come puoi, in questo caso, non identificarti con l’io-agente? Rinuncia a quell’idea e identificati con il Sé immutabile. Ci potranno essere delle crisi da affrontare, come ad esempio la paura della morte. Lascia che emergano e stacci dentro; ci puoi stare dentro anche a rate, così da digerire un boccone grosso un morso alla volta. Quando decidi di non sfuggire alla crisi e starci dentro succede Continua a leggere →