il vero io è collettivo, è il tutto e oltre il tutto

Un caro amico mi ha scritto di aver visto l’io agente. È una buona cosa, ma non dà risultati al fine di superare l’io agente. Bisogna vedere il vero ‘IO’ che è collettivo, è il tutto ed è oltre il tutto, e mantenere lì la propria identità. Quando si cerca di farlo non vi si riesce, perché l’io personale manda continui segnali di allarme: e se mi capita questo, e se mi capita quello, se mi ammalo, se soffro… Quando si capisce profondamente che il dolore ci è amico e ci aiuta in Continua a leggere →

la fine del dolore

“Colui la cui mente non è agitata in mezzo ai dolori, che non ha brama in mezzo ai piaceri, i cui desideri, paure e rabbia sono morti, la cui suprema comprensione è stabile, quegli è chiamato Muni”. Bhagavad Gita – 2, 56 * * * A un certo punto ci si rende conto che il nostro senso di io personale è illusorio. Non c’è nessun io personale! C’è la Coscienza universale, l’Essere universale, Dio se vogliamo chiamarlo così. Quando questo accade la mente finalmente si placa; Continua a leggere →