riconosci che non sei separato dall’esperienza e che tu sei la parte dell’esperienza che non cambia. la spiegazione delle due istruzioni.

“Riconosci che non sei separato dall’esperienza” ti dice che non c’è nulla contro cui lottare, e quindi nulla da fare! Ciò depone il ‘doer’, l’io-agente, colui che vuole cambiare il mondo che in apparenza gli si oppone. Una volta deposto l’io-agente, la seconda istruzione ti dice: “Tu sei la parte dell’esperienza che non cambia”. Da sola, questa istruzione condurrebbe al Testimone separato, ma poiché la premessa ha chiarito che tutto è Te, la seconda istruzione ti porta Continua a leggere →

ho smesso di occuparmi di ciò che non era né me né mio

Visitatore: Tu sei seduto di fronte a me, e io sono ai tuoi piedi. Che differenza fondamentale c’è tra noi due? Nisargadatta Maharaj: Nessuna differenza fondamentale. V.: Eppure dev’esserci qualche differenza. Sono io che vengo da te e non tu da me. M.: Proprio perché immagini differenze vai qua è là alla ricerca di gente superiore. V.: Ma tu sei un essere superiore. Tu affermi di conoscere la Realtà, io no. M.: Ti ho mai detto che non la conosci e che di conseguenza sei inferiore? Continua a leggere →

ci si arriva con la serietà

Visitatore. E che dire della sensazione di vivere un’esistenza separata? Nisargadatta Maharaj. È il riflesso della Realtà, che è unica, su un corpo separato. In questo riflesso, l’illimitato e il limitato vengono confusi e scambiati per la stessa cosa. Dissolvere questa confusione è lo scopo dello yoga. V. Non è la morte a dissolvere la confusione? M. Nella morte muore soltanto il corpo. La vita, la coscienza e la Realtà non muoiono. Anzi, la vita non è mai così viva come lo Continua a leggere →

un potere che rende ogni cosa amabile e degna di essere amata

M. Come ogni fiore ha il suo colore, anche se tutti i colori sono riflessi dalla stessa luce, così nella consapevolezza unica e indivisibile appaiono molteplici quelli che fanno esperienze, ciascuno separato nella memoria ma identico nell’essenza. Questa essenza è la radice, il fondamento, la ‘possibilità’ senza spazio e senza tempo di tutte le esperienze. V. E io, come ci arrivo? M. Non hai bisogno di arrivarci, perché sei già quella essenza. Sarà lei a venire da te, se le darai Continua a leggere →

ogni volta mi fondo in Quello

Noto che fondersi nel Sé sempre più, si accoglie Spontaneamente ogni cosa, situazione, luogo, persona ecc. Molto bello e vero l’ultimo tuo post sul ‘mollare’ l’attaccamento per il mondo. Adesso siamo in montagna per una vacanza di un po' di giorni. Subito la mente si intromette: “Oh che bello... Oh che scatole camminare con i problemi alla schiena” ecc. ecc. Ogni volta mi fondevo in Quello… Non c’è luogo migliore che Quello, il Sé. L.   Continua a leggere →

c’è solo l’Io: Quello

Ieri in meditazione è arrivato spontaneo l’osservare il respiro, come nel Kriya: dal terzo occhio fino a muladhara e poi su; una tecnica che ho fatto anni fa per diversi mesi... Quindi spontaneamente ho abbandonato il ‘fare’. Allora è apparso, non saprei come spiegare, un lieve vortice al cuore che fluttuava. Non era come battito d’ali, ma non trovo le parole per descriverlo. Poi è come aver confermato che c’è solo l’Io (Quello). Era già da un po’ che avevo questa ‘intuizione, Continua a leggere →

discrasie sopravvenute a seguito della partenza di Jnanananda per il servizio militare

— Adorato Sergio buongiorno. Questa notte è stata tranquilla e serena. l’unica cosa che ricordo è di aver sognato un vetro e una parete di vetro. Sono ripartita con la meditazione formale e mi è venuta una considerazione che vorrei condividere. Non c’è differenza tra ciò che sono prima, durante o dopo la meditazione. Non posso sfuggire a me stessa: sono sempre quella fiammella che marchia la realtà in qualsiasi posto e a qualunque età della vita. Ho intuito anche ciò che l’amata Continua a leggere →

l’indagine “chi sono io?” travalica la veglia e si riversa nel sogno

Alberto — Stamattina sono emerse varie scene di sogno in cui mi trovavo a fare autoindagine. Nella prima dovevo partire con una 500 fiat anni settanta, rossa, appena restaurata, e mi chiedevo: “Chi sta facendo qualcosa?”, “Chi sta salendo in macchina?”, “Chi sta guidando?”, “Chi si deve spostare?”… però non partivo. Poi c’era un camper con una serie di piccoli buchetti sulle pareti e io avvitavo delle viti in questi piccoli buchi e mi chiedevo: “Chi sta avvitando le viti?”, Continua a leggere →